MetLife Building (ex PanAm Building / Grand Central City)

architecture

1959-1963

Park Avenue, Manhattan, New York

scenario
categoria
soggetti
tag
architecture

Il MetLife Building si trova sulla Park Avenue a New York. Progettato dallo studio Emery Roth & Sons insieme a Walter Gropius e Pietro Belluschi, la sua forma è chiaramente ispirata al progetto di Le Corbusier per un grattacielo ad Algeri (1938-42) e al grattacielo Pirelli costruito nel 1960 da Gio Ponti e Pierluigi Nervi a Milano.

In origine il l’edificio era conosciuto come Grand Central City: nel 1960 la Pan American World Airways firma un accordo per l’affitto degli ultimi quindici piani dell’edificio e per l’inserimento sulla cima del famoso logo “Pan Am”, sostituito nel 1981 da quello del nuovo proprietario, Metropolitan Life Insurance Company.

Il grattacielo di Gropius e Belluschi è alto 246 metri e si sviluppa su 59 piani. Fin da prima del suo completamento, il progetto sollevò pesanti critiche nella cultura architettonica internazionale (tra gli architetti e i critici che si esposero a riguardo Douglas Haskell, Wolf von Eckardt, Peter Blake, Ada Louise Huxtable, Sibyl Moholy-Nagy, Jane Jacobs e Bruno Zevi), soprattutto in riferimento al suo rapporto con l’intorno: la sagoma del grattacielo sovrasta infatti la stazione centrale e si pone a metà di Park Avenue chiudendone qualsiasi continuità visiva. Le critiche si concentrarono soprattutto su Gropius e Belluschi, gli architetti di grande fama che erano stati a chiamati a  determinare l’aspetto finale del progetto.

 

Vettori collegati

"The Pan Am Building: A Behemoth Is Born"

Progressive Architecture, 4/1963

"Quantity vs. Quality"

Progressive Architecture, 5/1959

"Design of Grand Central City accepted"

Progressive Architecture, 3/1959

Piero Belluschi

architect

Fonti

Meredith Clausen, The Pan Am Building and the shattering of the Modernist dream, The MIT Press, Cambridge (Mass.)-London 2005.

Author Francesca Serrazanetti