"Good Design 1951"

Interiors, 7/1951

1951

scenario
categoria
media
tag
article

L'articolo presenta l'edizone 1951 della mostra Good Design, con le parole di uno dei suoi curatori, Edgar Kaufmann, e del progettista dell'alleztimento, Finn Juhl. La mostra, che non espone la migliore produzione di ogni designer, ma solo quella del semestre esposto, non rappresenta una tendenza media del design per l'abitazione, ma solo i lavori più avanzati e di ricerca; rappresenta una sorta di guida all'acquisto di prodotti coerenti con la vita contemporanea e uno strumento d'insegnamento per gli studenti. Finn Juhl rileva una certa somiglianza fra i prodotti esposti a New York e quelli che ha visto a Milano: una certa tendenza a portare all'eccesso e a drammatizzare, che forse si colega con la frequenza di questi eventi, che costringono il designer a spingere per stupire e interessare il pubblico. L'allestimento cerca di dare un'idea di spaziosità che consenta di concentrarsi sugli oggetti esposti.

Vettori collegati

House of Italian Handicrafts

centre for the promotion of italian craftsmanship

Knoll

designer furniture

Franco Albini

Interiors

magazine

Author Marta Averna